Game of Thrones, un backstage in attesa della seconda stagione

Lo so che i titoli corti funzionano meglio eh, mannaggia se di SEO e altre menate non ne ho sentite e le sento ogni giorno. Ma tanto qua ci arrivano solo i quattro amici rimasti a leggersi le mie storie e quelli da facebook. Soprattutto quelli da facebook. E a loro prometto: nel 2012 arriverò al post col titolo più lungo del testo.
Ho dovuto accorciare il titolo altrimenti sbordava tutto dalla home del sito. E via così.

A parte questo.
Già già già – che ve lo dico a fare – ricomincia Game of Thrones.
Mancano solo due mesi.
La prima serie, pur col suo surplus di mammelle danzanti e morti esposti, che fosse per alzare il rating e gridare “siamo la serie dark fantasy più cool del momento”, m’è piaciuta, del resto non me ne frega granché.
Era bella da vedere, affascinante da seguire nel suo snodarsi lungo i tragitti già percorsi nella lettura dei romanzi di Martin, riusciva a catturare l’essenza dei personaggi principali. E c’erano i draghi, caspita, c’erano i draghi!
Però questo post non nasce dall’esigenza di mostrarvi i draghi (i draghi!) ma di fare una gita, quasi dietro l’angolo.
Su, venite con me.

Ecco Kings Landing, nella sigla di Game of Thrones
Ecco Kings Landing, nella sigla di Game of Thrones

Da qualche giorno gira il nuovo teaser trailer della seconda stagione. Teaser che non dice molto più di quanto già non si sappia: mostra personaggi che già conosciamo e fa quanto deve, alimenta la voglia di fantasy sullo schermo, che almeno da ‘ste parti è parecchio elevata.
Eliminato quasi del tutto l’horror, che non lo sopporto proprio più, la voglia di fantastico rimane. Così come ho ripiegato da Bioshock 2 (ma lo finirò prima o poi) su Overlord (mandare in giro goblin a massacrare villaggi felici è sempre una gioia) e concluderò con Skyrim, che la nuova PS3 (non ve l’ho detto? ve lo dirò!) ne è ghiotta, dopo tutte le preview, i trailer, le guide e soprattutto la patch risolutoria.

Fort Lovrijenac, Dubrovnik, Croatia
Fort Lovrijenac, Dubrovnik, Croatia

E siamo andati fuori argomento credo, altro comportamento contro-SEO, ma riprendiamoci.
Game of Thrones si diceva, ma non è solo per quello che ho messo un titolo lungo quanto una tangenziale.
È che ho scoperto dove giravano, una location stupenda a qualche ora da qui (700km circa, ne feci altrettanti per andare a una cena con Joe Dever, per cui…). Dubrovnik quindi, o Ragusa come si chiama tra noi italiani (magari tra quelli che “ah Trieste, ma abiti in Slovenia quindi?”), sulla costa della Dalmazia (da dove veniva uno dei miei nonni), che vedremo nel telefilm rappresentare King’s Landing, la capitale dei sette regni e sede dell’Iron Throne.
Come non bastasse hanno utilizzato anche la piccola isola di Lokrum (Lacroma), un “fazzoletto di terra” situata a 600m dalla costa. Di questo hanno sfruttato gli scenari naturali per degli esterni e il monastero che lo domina, una costruzione benedettina datata 1023, trasformata in residenza estiva nel 1859 da uno dei proprietari dell’isola, l’arciduca Massimiliano.

La fortezza di Dubrovnik
La fortezza di Dubrovnik
King's Landing, la bellissima "Approdo del Re"
King’s Landing, la bellissima “Approdo del Re”

Richiami su richiami, parliamo dell’imperatore del Messico, Ferdinando Massimiliano d’Austria della Casa d’Asburgo, Principe Imperiale ed Arciduca d’Austria, secondo dei cinque figli dell’arciduca Francesco Carlo d’Asburgo-Lorena e fratello di quel Francesco Giuseppe destinato a diventare imperatore d’Austria.

[box]Grazie a fonti ben informate sappiamo che il nipote di Massimiliano (figlio di suo fratello Carlo Ludovico), tale Otto d’Asburgo-Lorena (Ottone Francesco d’Asburgo-Lorena), ereditò il trono dal padre Carlo, assurgendo a sovrano, raggiungendo il potere con la messa in campo degli assemblati, corpi umani ricostruiti grazie a un processo alchemico mai rivelato, ideato dal compianto barone Guido Von Frankenstein.[/box]

Salti tra gli universi a parte, Massimiliano ha lasciato dietro a sé, oltre al monastero di cui sopra, anche lo splendido castello di Miramare, uno dei luoghi più affascinanti della mia città, Trieste. Entrambi i luoghi danno accesso a bellissimi giardini botanici, dove l’imperatore del Messico faceva trapiantare esemplari provenienti da varie zone del globo.
Tornando nell’universo di Martin, il monastero benedettino condividerà con i palazzi di Dubrovnik il compito di “impersonare” parti della ricca città di Qarth.

Knezev dvor
Knezev dvor

Altre location utilizzate saranno il notevole palazzo Palazzo del Principe (Knežev dvor), Lovrijenac, Fort Bokar e la torre Minčeta parte della fortezza della città.

Di più non so, ma ammetto il mio stupore quando da un video di youtube, con un po’ di ricerca, è nato un viaggio tra posti bellissimi, che ho già messo nella lista dei “da vedere assolutamente” appena le temperature lo permetteranno.

Il backstage che parla delle riprese croate

Game Of Thrones Season 2: “Shadow” Tease

Game Of Thrones: Season 2 “Cold Winds” Tease

Game Of Thrones: Season 2 “Terror” Tease

Print Friendly, PDF & Email

7 thoughts on “Game of Thrones, un backstage in attesa della seconda stagione

Vuoi rispondere?