Game of Thrones. In viaggio verso il Trono di Spade

Night gathers, and now my watch begins. It shall not end until my death. I shall take no wife, hold no lands, father no children.I shall wear no crowns and win no glory. I shall live and die at my post. I am the sword in the darkness. I am the watcher on the walls. I am the fire that burns against the cold, the light that brings the dawn, the horn that wakes the sleepers, the shield that guards the realms of men. I pledge my life and honor to the Night’s Watch, for this night and all nights to come.
Vow of the Night’s Watch

Eccoci qui, di nuovo. Che preferiate le arie gelide di Winterfell o il clima più mite di King’s Landing, che tifiate Lannister o Stark, qualsiasi personaggio amiate o detestiate in modo viscerale (qualcuno ha detto Joffrey?) se adorate il fantasy e le serie TV, siete sicuramente qui, di nuovo, ad attendere la prossima puntata di Game of Thrones. Iniziata da un paio di episodi (il primo in TV il secondo regalato in anticipo via web), la serie ispirata alla saga di George R. R. Martin A Song of Ice and Fire (arrivata ormai al quinto volume, lasciamo stare la terrificante distribuzione italiana), ha visto la migliore incarnazione possibile per le avventure med-fantasy dei sette regni.

Guardando questo nuovo inizio, affascinati da location azzeccatissime, chi non si è chiesto dove sia stato girato il serial? Se ricordate, tre mesi fa vi avevo parlato di una delle location, tra le più facilmente raggiungibili (anche se un low cost per la Scozia forse si trova con gli stessi denari), Dubrovnik, sfruttata per realizzare parte di King’s Landing. E il resto di quel mondo così vasto? Ebbene, ecco un post scritto spulciando tra tutte le wiki possibili, che risponde a tale giustificata curiosità. Iniziato con l’idea di pubblicare un paio di foto si è trasformato in un lungo viaggio tra Irlanda, Scozia, Marocco, Malta, Croazia, insomma un bel giro per il mondo.

Ma tutto inizia in un luogo solo, nel nostro caso a Belfast dove ha sede la produzione del serial. Dell’Irlanda del Nord vedremo moltissime zone, tra esterni, castelli, villaggi e porti. Non tutte le location sono state accreditate e durante le ricerche ho trovato solo una parte delle associazioni tra luoghi reali e ambientazioni fantastiche. Se notate incongruenze o avete notizie aggiornate sulle location di Game of Thrones fatemelo sapere che modifico l’articolo.

E ora iniziamo il viaggio…

Benvenuti a Landsport

Pyke è il nome dell’isola e della fortezza che la domina, proprietà della Casa Greyjoy. All’estremo limite dell’isola, oltre le grandi mura di Pyke, si trova la piccola città di Landsport, il cui porto è gestito dalla Casa Botley, per nome dei Greyjoy. Landsport è stato filmato in Irlanda, nella ridente cittadina di Ballintoy.

Curiosità: a questo piccolo villaggio di pescatori è stato chiesto di concedere in uso il porto per alcune delle riprese, da fare proprio durante la stagione estiva e turistica. Sono state sborsate non poche migliaia di dollari per risarcire del guadagno ridotto1. A quanto pare molti ne hanno comunque risentito, tanto che il Belfast Telegraph menziona alcuni degli esercenti andati in perdita, quali il gift shop Half Door2, per i lunghissimi quattro giorni di riprese!

Una delle spiagge di Bellintoy usata nel Trono di Spade

 

L’esecuzione di Gared il disertore

I dintorni del piccolo villaggio di Carncastle (ben 66 abitanti) sono stati scelti per ambientare parte del prologo della prima serie. In quel drammatico frangente ci viene presentato uno dei Night’s Watch, Gared, che ha deciso di desertare, dopo aver assistito a qualcosa di orribile oltre la Barriera. Una volta catturato fuori Winterfell sarà Eddard Stark stesso a eseguire la sentenza di morte per decapitazione, di fronte ai suoi figli chiamati ad assistere.
Non ho trovato foto della zona utilizzata per quella scena, però mi sono innamorato della chiesetta locale, con relativo cimitero (sicuramente abitato da qualche fantasma) e quindi vi attacco quella.

Chiesa di St. Patrick a Carncastle

 

Winterfell e l’esercito dei Lannister

Dimora della Casa degli Stark, Winterfell è la capitale del Nord, situata al centro della provincia settentrionale dei Sette Regni, sulla Strada dei Re, che conduce da King’s Landing alla Barriera. Per ricrearne le gelide mura dalle quali cadrà il piccolo Bran è stato utilizzato il castello scozzese di Doune. A questo si è affiancato per alcune delle scene quello di Ward, nella contea di Down in Irlanda del Nord. Doune è stata la prima location sfruttata, ma Winterfell è stato più tardi ricreato negli studios Paint Hall a Belfast.
I dintorni del castello di Doune hanno visto anche le riprese in esterni degli accampamenti dell’esercito Lannister.

Curiosità: il castello lo potreste riconoscere se siete dei fan dei Monty Python, in particolare del film Monty Python e il Sacro Graal.

Parte del castello di Ward

Gli interni del castello di Ward, durante le riprese

Il castello di Doune

 

Pentos e dintorni

Nella zona di Dwejra (Gozo Island, Malta) è stato girato il matrimonio tra Daenerys e il babbbaro tutto azioni e poche parole Khal Drogo. Non sono riuscito a scovare altro realizzato a Dwejra, ma la località è davvero stupenda e ci sono alcuni dettagli stuzzicanti che vi riporto.

Curiosità: già utilizzata nella prima serie, questa località è stata al centro di una disputa tra il governo maltese e la produzione del serial, per dei presunti danni alla località turistica, minacce all’ecosistema della zona e distruzione di reperti archeologici3. Qualcuno aveva supposto che lo spostamento di certe riprese in Croazia fosse dovuto a una scelta politica legata a questo incidente, anche se pare che la produzione abbia negato la connessione.

Curiosità: uno degli scorci sfruttati è chiamato “Tieqa Żerqa”, la finestra azzurra. Se siete fan dei film mitologici vi sarà capitato di vederlo in Clash of Titans (l’unico e originale, quello del 1981 con gli effetti speciali del grandissimo Ray Harryhausen).

The Azure Window

 

And now his watch is ended

Per ricostruire l’enorme Barriera (The Wall nel pinkfloydiano originale) e la sede dei Night’s Watch si fa ritorno in Irlanda del Nord. Magheramorne è un piccolo borgo nella contea di Antrim. A poche miglia da questo luogo dal nome magico (e impronunciabile), sorge una vecchia cava calcarea di proprietà di una ditta francese, per la quale c’è un ampio piano di trasformazione nel prossimo futuro. Nel frattempo è stata però sfruttata come set per l’ambientazione di Castle Black, che si intravede nella fotografia sotto.

Il set di Castle Black costruito nella cava

 

Il torneo, gli scacchi d’ossa e la banshee

Tappa certa nei tour di qualsiasi ghosthunter che si rispetti, siamo sempre nella contea di Armin, questa volta a poca distanza da Randalstown. Qui si sbriciolano, anno dopo anno, le rovine del castello di Shane, costruito nel 1345 e quasi completamente distrutto da un incendio nel 1816. L’affascinante location è stata sfruttata più volte nel serial televisivo. I suoi dintorni hanno ospitato, nella prima serie, il torneo in onore di Eddard Stark, nominato Hand of the King, durante il quale c’è stata la memorabile scena della decapitazione di un cavallo per mano di Gregor Clegane.

Curiosità: il castello stesso è al centro di storie e leggende, tra le quali degli scacchi costruiti con le ossa degli antichi nemici e la presenza di una banshee, uno spirito che annuncerebbe la morte4.

Il torneo fuori dalle mura del castello di Shane

Shane Castle

 

Oltre la barriera

Siamo ancora in Irlanda del Nord, questa volta però nel parco forestale di Tollymore. C’erano gli alberi, rocce a sufficienza e ampi spazi di manovra. Mancava però la neve, per ricostruire artificialmente l’inverno che, ormai lo sapete tutti, sta arrivando. Nelle due foto sotto, ripescate in rete, si nota la foresta allo stato naturale e com’è stata trasformata per le riprese del prologo della serie.

La foresta di Tollymore

Fonte: Flickr

La foresta di Tollymore, con la neve finta

Fonte: Flickr

 

Le locande del trono di spade

Molti interni di locande, tra le quali il luogo dove la regina Cersei chiede e ottiene di far uccidere il metalupo di Sansa Stark, sono state girate a nord di Belfast, nelle tenute Redhall, risalenti al sedicesimo secolo.

Uno degli edifici della tenuta

 

I draghi del Marocco

Se nella prima serie solo parte del pilot era stata girata attorno e dentro la città di Ouarzazate, per gli episodi a venire possiamo ben sperare di rivedere quelle terre arse e solari, così lontane dal tremendo inverno che sta arrivando su Westeros.
Assieme alla già vista Dwejra, a Malta, Ouarzazate è stata utilizzata per ricreare Pentos, una delle città libere.

Curiosità: la quasba di Taourirt, risalente al 17o secolo, è tra le meglio conservate della zona. Questo perché Hollywood ci ha speso un bel po’ di soldi per ambientare vari film esotici. Tra i quali Star Wars.

Daenerys e le uovda di drago

Pentos/Quarzazate

 

Malta

Altra location molto sfruttata, e parecchio lontana dagli studi di Belfast, Malta ha ospitato diversi momenti intensi della serie ambientati a Forte Manoel, Forte Sant’Angelo, Forte Ricasoli e nella capitale Medina.
Forte Manoel (Valletta), costruito nel 1726 da Antonio Manoel de Vilhena e occupato durante il secondo conflitto mondiale dalle forze armate britanniche. Tra quelle mura Eddard Stark ha confessato inutilmente il proprio tradimento verso il re, subendo comunque la decapitazione dietro ordine dell’odiatissimo Joffrey Lannister Baratheon.
Forte Sant’Angelo (Valletta), altra sede dei Cavalieri di Malta che vi si insediarono nel 1530, ha ospitato le scene in cui Arya inseguiva i gatti per allenarsi nell’arte della spada. Eh già, han cambiato castello solo per quegli interni.
Medina si è vista trasformata in esotici scorci di King’s Landing, usati come sfondo durante il confronto tra Eddard Stark e Cersei e il discorso tra Illyrio e gli ultimi dei Targaryen.

Forte Manoel (Valletta)

 

I ghiacci eterni di Vatnajökull

Un’enorme “coperta di ghiaccio” in Islanda, delle dimensioni di circa 8.000 chilometri quadrati, la più grande d’Europa per volume, la seconda per estensione e la quarta massa di ghiaccio al mondo. Nel novembre del 2011 ha ospitato parte del cast di Game of Thrones, giunto fin lì per realizzare alcune delle riprese della seconda serie. Poco si sa sulle scene girate, ma è probabile si tratti di episodi ambientati a nord della Barriera, tra bruti e ombre bianche.

Curiosità: il ghiacciaio ha dato il nome a un Hotel situato a pochi chilometri, il Fosshotel Vatnajokull, dove secondo il sito ufficiale si è riposato il cast di produzioni quali, oltre il citato Game of Thrones, quelle dei film Tomb Raider e di Agente 007 – La morte può attendere.

I ghiacci eterni di Vatnajökull

Bibliografia e note

  1. fonte: ballymoneytimes.co.uk
  2. fonte: belfasttelegraph.co.uk
  3. fonte: io9.com
  4. fonte: libraryireland.com
Print Friendly

One thought on “Game of Thrones. In viaggio verso il Trono di Spade

Vuoi rispondere?