Mancano solo due minuti a Mezzanotte

Scrivere e spaccare culi. Lo so, non è bello da leggere, però è il motivo che mi ha spinto ad aderire alla Round Robin organizzata da Alessandro Girola. Dopo quella horror dell’anno scorso, a opera di Davide Mana e la sua Sick Building Syndrome, è arrivao il momento di esseri con super poteri, le cui gesta andranno narrate nello stretto limite delle 1000 parole.

Che significa Round Robin? Il compagno di Batman dopo un’abbuffata di uova pasquali? Un pettirosso goloso che saltella lasciando crepe nel cemento? Anche sì, a volte, ma nel nostro caso è una storia scritta da autori diversi, partendo da un’idea comune. Ognuno si prende in carico un capitolo e lo svolge partendo da quanto successo nei precedenti. Di famose ne conosco pochissime però ricordo dove ho imparato il termine: leggendo Sfida dall’infinito (The Challenge from Beyond), storia fantascientifica che nel 1935 coinvolse C.L. Moore, Abraham Merritt, H.P. Lovecraft, Robert E. Howard, e Frank Belknap Long.

Come sempre Alex si è occupato con perizia del background, punto di forza di tutti i suoi lavori. Abbiamo così una fusione tra ucronia e fantascienza super eroistica, che vede la Terra abitata dai Super, generati nel 1973 da un esperimento scientifico. Come se le lotte tra supercriminali ed eroi non bastassero, qualcosa di inumano è piombato su Admiral City, distruggendo la più elevata delle sue costruzioni, la Salazar Tower.

Cosa succederà ora non è dato saperlo, ma ci è data la possibilità di scriverlo. E questa volta non me la farò sfuggire. Le puntate di Due minuti a mezzanotte saranno settimanali, uscita confermata al martedì.

Per qualsiasi informazione c’è il post di presentazione sul sito di Alessandro e il blog ufficiale del progetto, con il background storico sul quale basarsi per inventare le proprie storie.

[box type=”shadow”]22 aprile 2013.
Notte.
Quattro ore prima degli eventi narrati nel capitolo 1.
Di punto in bianco, nel cuore di una nottata tiepida, qualcosa è piombato sulla sommità della Salazar Tower, il grattacielo più alto di Admiral City (350 metri, 65 piani, sede delle omonime industrie), distruggendo un paio di piani e prendendo possesso dell’edificio. Al contempo nel resto della città si sono verificati una serie di attacchi/attentati di origine ignota, che hanno gettato nel caos un quartiere dopo l’altro.
La creatura che ha occupato Salazar Tower è a sua volta sconosciuta, forse di origine non umana. Il Professor Scanner, il più abile telepate vivente, è riuscito soltanto a percepire e a comunicare al Sindaco di Admiral City il nome con cui questa terribile entità si identifica: Mezzanotte. Quindi Scanner è stramazzato, colpito da ictus multipli, ridotto a un vegetale.
Mezzanotte ha respinto e distrutto le unità di pronto intervento di Polizia ed Esercito accorse sul posto. I suoi misteriosi tirapiedi stanno ingaggiando scontri in diversi aree di Admiral City. Qualcuno parla di mostri, altri di umanoidi dotati di superpoteri. Il presidente Romney ha già decretato lo stato di allerta DEFCON 3, e la situazione sembra volgere al peggio.
Chi/cosa è Mezzanotte? Perché ha attacco la città? Da dove è venuto? Chi lo ha mandato? Chi lo fermerà?[/box]

Print Friendly, PDF & Email

6 thoughts on “Mancano solo due minuti a Mezzanotte

Vuoi rispondere?