Nemezis: Savage Worlds, divinità mostruose e marine spaziali

Quello che state leggendo è il primo guest post del blog, ed è stato affidato per l’occasione alle sapienti mani dell’amico Mauro Longo, del quale da queste parti abbiamo già parlato in passato. Per chi non lo conoscesse ancora, Mauro ha alle spalle un lungo elenco di attività che vanno dall’archeologia alla scrittura di saggi e racconti, è un esperto di librogame e da qualche anno anche game designer per Savage Worlds, con le sue opere originali Ultima Forsan e Tropicana. Nessuno meglio di lui poteva presentare l’ambientazione fantascientifica Nemezis, per la quale a Lucca Comics & Games 2015 uscirà il mio contributo: la campagna a trama portante La congiura delle tenebre.
Vi lascio alle parole di Mauro e a qualche bella immagine tratta dai manuali di Savage Worlds – Nemezis, ricordandovi che a fine articolo troverete tutta una serie di link utilissimi se volete approfondire la conoscenza del gioco di ruolo Savage Worlds e dell’autore di questo articolo.

Mostri, guerrieri ed astronavi, e il cielo si oscurò.
In alto i missili, e lance termiche e mille e più robot!
Ma noi che siamo uomini, noi difenderemo la libertà!
Ecco gli eroi che insieme a noi lotteranno…

La sigla del vecchio cartone animato giapponese Astroganga è perfetta per raccontare con poche parole di cosa tratta Nemezis. Mi piace così tanto il concetto che una mia (breve) campagna di gioco si chiama proprio così: Mostri, guerrieri ed astronavi…

savage-worlds-nemezis-cover

Di che parla Nemezis? Siamo nel futuro, la galassia è stata in parte colonizzata – specialmente il Braccio del Sagittario, i viaggi interstellari sono una realtà quotidiana e i mondi abitati sono decine di migliaia, a cui va aggiunto un numero dieci volte maggiore di basi e laboratori periferici, avamposti di coloni e terraformatori, asteroidi minerari, fari astrali e stazioni di ricerca. Tutto bene, solo che a un certo punto spuntano fuori i mostri… veri e propri Dei Oscuri dai poteri incommensurabili, che distruggono la Terra e da lì iniziano a divorare i sistemi stellari uno dopo l’altro. La devastazione della galassia non è per fortuna simultanea o troppo rapida, ma avviene anno dopo anno, mondo dopo mondo. Finché, sul piccolo pianeta Cor del sistema Horizon, gli uomini non mettono a segno la prima vera vittoria contro l’Orda dei mostri e il Verme immane che li controlla, il “Divoratore”.
È qui che comincia il gioco: nel sistema Horizon, durante la fase di stallo che consegue questa prima vittoria. Le forze degli uomini si schierano, le Bestie dell’Orda proliferano e una Piramide Nera su Cor sembra essere l’obiettivo strategico fondamentale della Guerra…

In Nemezis, la storia dell’umanità si sta scrivendo su Cor: un pianeta ricoperto da giungle immense in cui si aggirano schiere senza numero di orrori cosmici, mentre battaglioni di milizie alleate, inviate da tutti i sistemi vicini, scaricano loro addosso tonnellate di piombo.

savage-worlds-nemezis-ashPoi ci sono i jet supersonici che sganciano bombe, squadriglie aeree pilotate da eroi sorridenti.

Poi ci sono le astronavi piccole e grandi che girano lì attorno e combattono i Kraken del Vuoto.

Poi ci sono i due pianeti vicini – il decadente Ash e l’opulento Bariz, dove gli occhi di tutti sono puntati su Cor, ma si giocano trame di criminalità e potere.

Poi ci sono i sistemi ancora lontani e appena sfiorati dall’Orda, da cui andare e venire facendo contrabbando e missioni di ogni genere.

Poi ci sono decine di altre federazioni spaziali, imperi galattici e fondazioni tra cui aggirarsi, lontane decenni dall’Orda, utili se si vuole giocare senza pensare troppo ai mostri. E poi ancora psionici, cyborg, cultisti, replicanti, cloni, nanoidi, mutanti e alieni di ogni genere…

Insomma: un cuore di fantascienza bellica, circondato da un involucro di cyberpunk e planetary romance, a sua volta avvolto da un universo di hard sci-fi e space opera. Il tutto, spruzzato di orrore cosmico


savage-worlds-nemezis-bariz
In Italia GG Studio ha localizzato il manuale base l’anno scorso, arricchendolo da alcuni contenuti aggiuntivi, e sta ora completando la trilogia dei moduli dedicati ai pianeti di Horizon: dopo Ash e Bariz, è il turno di Cor, che verrà rilasciato in tempo per Lucca Comics & Games 2015.

Anche qui il materiale italiano originale si spreca e in certi casi moltiplica più volte quello originario in inglese. Tutti i volumi sono infatti arricchiti da contenuti esclusivi di Alessandro Aimonetto e ciascuno di essi presenta una campagna ad hoc scritta da un autore italiano.

Per Ash, Giancarlo Borracci ha scritto la campagna La caduta della Victory, un florilegio di citazioni della fantascienza americana degli anni ’80. La campagna di Andrea Tupac Mollica, Nido di Vespe, è ambientata su Bariz ed è un bell’intreccio di complotti politici e intrighi inumani.

Conclude la trilogia La congiura delle tenebre, la campagna di Cor scritta da Matteo Poropat, che getterà i poveri malcapitati eroi in mezzo all’ultimo atto di una trama cosmica, proprio tra alle grinfie di un vero e proprio Grande Antico.

Caricate i vostri fucili al plasma e siate pronti: il Giorno del Giudizio è arrivato!

Link utili

Le schede dei moduli per Savage Worlds (sul sito Jolly Troll)

Qualche informazione su Mauro Longo e i suoi lavori

 

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Nemezis: Savage Worlds, divinità mostruose e marine spaziali

Vuoi rispondere?