Obscura Genesi – ambientazione

Il mondo di Obscura Genesi

Per risolvere il problema di una Terra oramai prosciugata da ogni fonte di energia viene creato un apparato, l’Assimilatore di Venkman, che riesce ad assorbirne quantità notevoli dall’Intercapedine, una sorta di membrana che separa le dimensioni del multiverso.

Ma mentre si costruiscono le prime installazioni capaci di utilizzare tale energia, il pianeta viene invaso da una razza aliena proveniente da Plutone. Mostruosi alieni simili a grossi e terrificanti insetti devastano con le loro navi alveare intere regioni e sembra non sia possibile arrestarli.
Nella guerra che dura decenni le radiazioni sviluppate al suolo dalle armi nucleari e chimiche utilizzate da umani e alieni, portano la nostra razza, già decimata dal conflitto, a sviluppare in parte dei tratti mutanti.

E mentre ogni speranza sembra essere perduta, da una locazione segreta ancora nascosta agli occhi delle viscide creature un prototipo di Assimilatore, conneso ad una serie di armi capaci di incanalarne l’energia, si rivela capace di forare gli scudi delle navi alveari.
Le sorti del conflitto divengono di nuovo incerte e negli anni successivi piccole fortezze, chiamate le Cittadelle Purificate, resistono agli attacchi di mutanti e alieni. Vengono costruite navi spaziali dotate di motori in grado di utilizzare l’energia tratta dall’Assimilatore e si decide di portare la guerra dov’è necessario concluderla, su Plutone, il pianeta degli insettoidi.

Nel libro game tu sei un tenente della C.H.A.O.S. la forza militare nata per reprimere nel sangue ogni tipo di viscido inumano ostacolo alla rinascita della razza umana, in servizio all’Avamposto Gamma, il quale, per cause misteriose, viene danneggiato da una serie di esplosioni, che ti proiettano ferito e praticamente disarmato nei corridoi labirintici dei laboratori dell’installazione.

Il tuo compito sarà sopravvivere agli orrori che giacciono in quei luoghi ormai silenziosi che stillano orrore dalle pareti e scoprire forse il vero significato del progetto Genesis of Dharma.

Print Friendly

Vuoi rispondere?