Pixel Dungeon, terza parte della guida (dal livello undici fino al boss DM-300)

Terza parte della guida alla sopravvivenza nel mondo a 8bit di Pixel Dungeon. Al momento che la scrivo è anche l’ultima, a meno ovviamente di mettersi a copiare guide altrui per i livelli che vengono dopo, cosa che non intendo fare. Il gusto di questi articoletti è proprio quello di scoprire e scrivere quel che si è scoperto (ovvio, ci sono cose che ho imparato leggendo le wiki che ho condiviso negli articoli precedenti).

Edit dell’ultimo momento: sono riuscito a superare DM-300 anche se a costo di quasi tutto l’equip tra pozze & scroll. Ora non rimane che avventurarsi nel quarto dei cinque settori del gioco, con i livelli da 16 a 20, fino al Dwarf King.

Il Boss del 15° capitolo è un ostacolo arduo da superare, soprattutto per la frustrazione di dover iniziare ogni volta tutto dal lontanissimo 1° livello.
Ma andiamo per ordine e vediamo cosa fare per arrivarci.

Se vi siete persi i capitoli precedenti della guida a Pixel Dungeon eccovi i link:
1 – Pixel Dungeon e i roguelike per Android
2 – Guida dall’entrata al boss Goo
3 – Seconda parte della guida (dal sesto livello fino al boss Tengu)

Le cave sotterranee
Le cave sotterranee

Salutati Tengu e le sue prigioni, ci inoltriamo nelle cave sottostanti. L’ambientazione è più “sotterranea” delle precedenti con funghi e licheni in ogni umido angolo. Nella roccia troverete delle venature scintillanti, utili per una mini-quest col piccone da minatore (che forse è un simpatico riferimento a un gioco di simulazione, Dwarf Fortress).

I corridoi sono invasi da Gnoll Brute col caschetto, bruttissimi ma più resistenti, e dei Vampire Bat che potrebbero curarsi cibandosi di voi, meglio affrontarli sulla distanza.
Attenzione anche agli “stati alterati” o buff negativi, come paralisi o veleno, che in un combattimento possono essere letali.

Le trappole iniziano a far sentire la loro presenza, quindi più che mai il tasto Search (e magari un bel Ring of Detection) diventa essenziale per evitare di venir avvelenati, tagliuzzati, incendiati, teletrasportati, paralizzati,… reso l’idea? 🙂

Di contro ormai dovreste avere una riserva di semi non da poco, iniziate a usarli, sfruttando passaggi obbligati ed effetti speciali (come incendiare una parte erbosa per dare inizio a un bel rogo che tocchi più avversari), senza dimenticare ottime erbe curative come i Fadeleaf.
Avrete già visto in giro delle stanza (normalmente chiuse a chiave) che ospitano un calderone. Lì dentro potete gettare dei semi per ottenere le pozioni che vi servono.

Il Troll e la sua quest
Il Troll e la sua quest

La quest del Troll armaiolo
Anche in questo settore del gioco c’è l’apposito NPC (Non Player Character, Personaggio Non Giocante) quest giver, tra il 12° e il 14° livello.
Un troll, perennemente impegnato a forgiare armi e armature, vi attende perché ha bisogno di prestarvi una piccozza e chiedervi di fare una delle seguenti cose:
– uccidere un Vampire Bat con la piccozza (equipaggiatela come fosse un’arma) e raccoglierne il sangue
– ricavare dalle mura del sotterraneo 15 pezzi d’oro
La ricompensa stavolta dipenderà da cosa avete con voi (e, guarda caso, da quello che potete raccogliere gratis nella forgia del troll). Infatti egli vi proporrà di riforgiare due vostri oggetti dello stesso tipo (che devono essere stati già identificati) in uno migliore di entrambi.
Per la cronaca non sono mai riuscito ad avere quello che gli serviva…

DM-300
Sono riuscito a eliminare il boss meccanico (che ammetto di non aver apprezzato come estetica, rispetto ai primi due, prediligo dove possibile qualcosa di omogeneo con l’ambiente che lo circonda, com’era Goo nelle fogne, per esempio) con molta fatica, al secondo tentativo.
La cosa più utile da avere dietro è una serie nutrita di Potion of Purification, per bloccare gli effetti del gas (se ingerita) o eliminarlo per un turno (se lanciata nella nube tossica).
Una certa gear è necessaria (avevo una Plate Armor+4 e una Long Sword+6) così come un paio di Potion of Healing.
Il resto è un paziente gioco di colpisci e allontanati, in quanto il gas ci mette un turno a raggiungervi. Se vi spostate in diagonale guadagnate un turno sulla nube assassina.
Se usate la pozione o qualche altro rimedio contro i gas, potete pensare di piantare una Earthroot e sistemarvi lì dentro per combattere più protetti, e piantare qualcosa di letale sul punto in cui si ferma il robot.

Eliminare questo Boss vi permetterà di scegliere la quarta classe, l’Huntress.

Tre boss down, “solo” due ne rimangono…

Print Friendly

Vuoi rispondere?