Ritorno su Plutone

Strano mese questo agosto. Dedicato nella mente dei più alle “agognate” ferie e all’ozio tanto ambito, da queste parti ci si dedica con gioia ai progetti che nascono o sono in direttura d’arrivo, finendo per preparare più post ora che in primavera. Proprio la conclusione di uno di questi progetti (ve lo butto lì fingendo indifferenza ma ne riparleremo, si tratta di un libro game di genere fanta/horror che uscirà a settembre in formato app Android) mi ha spinto a riprendere in mano un lavoro da tempo nel limbo: la nuova edizione di Obscura Genesi.
Conscio di quanto di sbagliato c’era nella prima versione, che risale ormai a quasi dieci anni fa, ma anche di quanto ci fosse di buono e divertente, ho deciso di buttarmi e realizzare una enhanced revised expanded edition.

Ma andiamo per ordine. Di cosa stiamo parlando?
Obscura Genesi (OG) è un libro game che nasce dalla passione per le atmosfere che permeano videogame come il grandissimo Doom o la più recente saga di Dead Space, film come Event Horizon o Aliens, giochi di ruolo come il Nemezis di Savage Worlds. Trama lineare, decine di citazioni da film e libri, qualche spruzzata dei miti di Lovecraft e tanta gioia “fantabellica”, creature in agguato negli anfratti oscuri di sperdute basi spaziali, armi da potenziare, “boss” via via più potenti. Niente di più.

Dead-Space-3-Feeder
Questo simpaticone arriva da Dead Space 3, rende l’idea delle creature che abitano Obscura Genesi

Terra, il futuro.
La devastazione lasciata dagli insetti senzienti di Plutone. Una fonte di energia alternativa, proveniente dalla misteriosa intercapedine tra le dimensioni.

Terra, un futuro dominato dalla tecnologia e dalle mutazioni.
Un destino che sembra inevitabile. Un’unica possibilità, nelle mani di un uomo armato fino ai denti e pronto a dare filo da torcere alle creature che strisciano nei meandri dell’Avamposto Gamma.

Una matita e una gomma, non ti serve altro per tuffarti in questa avventura interattiva.
Il tuo compito non sarà semplice: dovrai sopravvivere agli orrori che ti attendono, sopprimere ogni forma di vita aliena, mutante o tecno organica che ti si parerà davanti e scoprire il vero, letale significato del progetto Genesis of Dharma.

Un inizio, molti finali.
In questo libro il protagonista sei tu. Sopravviverai abbastanza a lungo da poterlo raccontare?

Così recitava (more or less) la quarta di copertina, nell’edizione pubblicata col (terribile) servizio di POD di Boopen.
Il regolamento di questa nuova edizione è notevolmente semplificato (ridotto di circa il 60%) con meccaniche più rapide e divertenti. OG rimane comunque un libro game “a mappa”, diverso dai Lupo Solitario, più lineari e narrativi.
Ci saranno codici di stato e check (come nei Fabled Lands), un sistema di achievements (simile a quello dei videogame) e un’ambientazione claustrofobica dalla quale si dovrà tentare di uscire, fino a raggiungere uno dei quattro possibili finali.

doom 3 bfg
Doom, un’altra delle ispirazioni per il libro game

Entro settembre partirà la seconda passata di editing e sarà un altro bagno di sangue, ma ne vale la pena.
A quel punto, realizzata un minimo di grafica (per la quale sto ancora valutando l’artista alla quale affidarla) si partirà per i test finali e l’impaginazione col servizio di CreateSpace, col quale mi sono trovato benissimo (nel realizzare la versione cartacea de Il silenzio dell’acqua).

Nel mentre ci sarà occasione per farvi avere altre notizie e farci qualche giro esplorativo nell’Avamposto Gamma sul pianeta Plutone.

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Ritorno su Plutone

    1. No asslutamente, il progetto della app è un altro, ne ho parlato sul forum 😉
      OG uscirà solo in cartaceo.

        

Vuoi rispondere?