La strada (The Road)

Ormai vi ho già tediato col fatto che vedo sempre meno film e praticamente non ne recensisco. Però mi fa piacere recuperare quelle vecchie, soprattutto di pellicole che per un motivo o per l’altro mi sono davvero piaciute. È un fenomeno sempre più raro, uscire da una sala soddisfatto, e così ripenso a quella sensazione che tanto mi faceva amare il cinema anni or sono.
Questa domenica, con la bora che spazza Trieste come una vecchia arrabbiata dotata d’un immensa scopa invisibile, tocca all’adammento del romanzo di Cormac McCarthy, La strada.

The Road

The Road

Il mondo invecchierà improvvisamente e parole come domani o speranza perderanno ogni significato, ogni valore. La natura non muterà, non resisterà. Ogni cosa cederà il passo alla propria fine, disgregandosi in una coltre di cenere grigia.
In questo distopico futuro si muovono un uomo e suo figlio, un Viggo Mortensen smagrito e testardo e un innocente Kodi Smit-McPheeche non ha conosciuto realtà al di fuori di questa.

Un film cupo, pesante. Attenzione, non pesante come noioso, pesante come una coperta che fatichi a levarti di dosso, dalla quale cerchi di sgattaiolare alla luce, senza riuscirci.
Nei pochi flashback vediamo la moglie, Charlize Theron, cedere i sorrisi alla quieta disperazione che un mondo senza futuro elargisce ai pochi sopravvissuti. Terribile la scena in cui si rifiuta di partorire, nel tentativo inutile di non mettere al mondo, in nuovo mondo, una creatura destinata a diventare vittima di della stessa disperazione o di un destino anche peggiore.
Continua…