Game of Thrones. In viaggio verso il Trono di Spade (2)

Sono passati due anni da quel primo articolo dedicato al backstage del Trono di Spade e dal successivo viaggio per affiancare alle ambientazioni immaginarie quelle reali. Correva l’anno 2012 e quella che sarebbe diventata la serie più piratata della televisione era appena agli inizi. Oggi sono pochi quelli che non ne hanno almeno sentito parlare, moltissimi i fan in tutto il mondo, divisi tra chi ha letto i libri e chi invece si accontenta della versione (fino a ora piuttosto fedele) trasmessa dalla HBO. Tutti o quasi sanno anche chi è l’autore, il buon (si fa per dire, ammazza tutti i personaggi preferiti dai lettori) vecchio (troppo, visto quanto piano scrive) George Raymond Richard Martin. La speranza che lui concluda la saga A Song of Ice and Fire prima di tirare le cuoia (il primo volume è datato 1996) diminuisce col passare degli anni (ne sono serviti 6 per l’ultimo romanzo pubblicato, A Dance with Dragons, e dovrebbero servirne ancora due per leggere la parola fine) ma la serie TV continua ad avere notevole successo (è stata confermata per la quinta e sesta stagione).

Continua…

I won

Piccolissimo omaggio alle due serie che più ho apprezzato in questa prima metà dell’anno. Inutile sperticarsi nell’ennesima recensione, in giro ne trovate a centinaia, delle serie e delle singole puntate. Se Game of Thrones ha subito il peso di dover adattare storie sempre più frammentarie, riuscendo a regalare spettacolo ed emozioni (la puntata citata nell’immagine, il massacro al R.W., inatteso pur avendo letto i libri, nelle sue piccole varianti televisive) nonostante sottotrame poco incisive, Breaking Bad è stato l’equivalente di un fuoco di copertura, continuo, martellante.

Breaking Bad I Won Dracarys
Continua…

Serial di stagione: Dexter, geek e universi paralleli

Si riprende una vecchia rubrica del precedente viaggio sciamanico, quella dedicata ai telefilm andati o che verranno, sempre col nome di Serial di stagione. Anticipazioni in questo caso, ché ormai è autunno e tra tre settimane circa riprendono le dosi massicce, fondamentali per chi come me ne è non poco addicted.
Andiamo a vedere le prime tre delle serie che attendo e cosa promettono.

Dexter settima stagioneDexter
Serie in arrivo: settima
Primo episodio: “Are You…?” il 30 settembreSon dovuto ricorrere al wiki per far mente locale sulla serie precedente, il che la dice lunga su quanto mi fosse (s)piaciuta. C’era la coppia di assassini biblici, rasentava l’inguardabile. Ora abbiamo una settima e un’ottava stagione, per un totale di ventiquattro episodi che potrebbero essere collegati in un unico arco narrativo. Ci saranno Calista “moglie di Indiana Jones” Flockhart, Ray Stevenson (visto recentemente in Thor) e – gioia per gli occhi – Yvonne Strahovski, della quale abbiamo tutti il ricordo come compagna della spia Chuck Bartowski. Speriamo bene per le storyline soprattutto – SPOILER – per quella che direttamente collegata all’ultima inquadratura di This is the Way the World Ends, finale della season 6, dove Deb scopre (finalmente direi) l’hobby particolare del fratellastro.
The Big Bang Theory stagione seiThe Big Bang Theory
Serie in arrivo: sesta
Primo episodio: “The Date Night Variable” il 27 settembreThe Countdown Reflection ci aveva lasciato con tre coppie a terra, i soliti Leonard e Penny (rea di aver rifiutato la proposta di matrimonio di Leonard), Amy (speriamo la eliminimo dalla serie quanto prima) e Sheldon (ridateci il personaggio delle prime serie) e Raj (sempre troppo poco sfruttato) e Bernadette (dovevano mandarci lei in orbita) che mano nella mano sono testimoni del viaggio di Howard Wolowitz nello spazio.
Non so bene cosa sperare per questa serie che ha perso smalto (come molte delle sitcom) dopo le prime stagioni, appoggiandosi al riciclo di situazioni e sfruttando troppo certi personaggi e davvero troppo poco altri. Oltre a introdurre le due componenti femminili più fastidiose della storia dei telefilm.
Fringe quinta stagioneFringe
Serie in arrivo: quinta (e ultima?)
Primo episodio: “Transilience Thought Unifier Model-1” del 28 settembreUn serial di fantascienza salvato dai fan, incredibile successo dopo tentativi più famosi (e forse meritati) come quello di Firefly (che da queste parti è sempre tra i must see), un telefilm che è riuscito a recuperare pubblico, ricostruire una storyline che stava perdendo mordente e, nonostante qualche episodio al limite dell’imbarazzante (qualcuno ha detto soul magnet? o Leonard Nimoy cartoon?) aggiudicarsi una quinta serie. Merito anche del coraggio di portare avanti una trama complessa che ha creato e distrutto universi, riscritto personaggi (pur rifacendoli fluire nei tratti di quelli ormai amati dal pubblico, scelta inevitabile) e promesso un futuro apocalittico all’intero mondo, futuro che dominerà l’inizio della nuova season.
Transilience Thought Unifier Model-1 sarà ambientato nel 2036 (universo giallo se ricordo bene), subito dopo gli eventi del diciannovesimo episodio quarta serie, Letters of Transit, con gli Osservatori ormai divenuti indiscutibili dominatori del pianeta e la scoperta del Fringe team originale incastonato nell’ambra.
Dei telefilm di questo primo trittico di Serial di stagione è sicuramente quello del quale ho più aspettative, ed è l’unico in cui ci sia più di un attore (bravo se pur con i dovuti distinguo) a sostenere la serie (la Torv è migliorata di stagione in stagione e John Noble insomma, inutile parlarne.
C’è speranza ma non certezza di rivedere Henry Ian Cusick, avvezzo a universi e paradossi dalla sua interpretazione di uno dei migliori personaggi di Lost, Desmond Hume.
A quanto pare questi tredici episodi chiuderanno Fringe, a meno di qualche sommossa popolare che riesca a convincere la FOX a produrne altri (cosa che spero non accada, meglio un finale ben cucito e sensato che il solito strascico senza fine).
Eccovi il trailer presentato al Comic Con che – si narra – sia stato girato per convincere l’emittente a produrre la final season, riuscendo nell’intento.
Per questo ci vorrà più tempo.
Marzo 2013.
E come si fa? Ne riparleremo…game of thrones season 3

Game of Thrones. In viaggio verso il Trono di Spade

Night gathers, and now my watch begins. It shall not end until my death. I shall take no wife, hold no lands, father no children.I shall wear no crowns and win no glory. I shall live and die at my post. I am the sword in the darkness. I am the watcher on the walls. I am the fire that burns against the cold, the light that brings the dawn, the horn that wakes the sleepers, the shield that guards the realms of men. I pledge my life and honor to the Night’s Watch, for this night and all nights to come.
Vow of the Night’s Watch

Eccoci qui, di nuovo. Che preferiate le arie gelide di Winterfell o il clima più mite di King’s Landing, che tifiate Lannister o Stark, qualsiasi personaggio amiate o detestiate in modo viscerale (qualcuno ha detto Joffrey?) se adorate il fantasy e le serie TV, siete sicuramente qui, di nuovo, ad attendere la prossima puntata di Game of Thrones. Iniziata da un paio di episodi (il primo in TV il secondo regalato in anticipo via web), la serie ispirata alla saga di George R. R. Martin A Song of Ice and Fire (arrivata ormai al quinto volume, lasciamo stare la terrificante distribuzione italiana), ha visto la migliore incarnazione possibile per le avventure med-fantasy dei sette regni.

Guardando questo nuovo inizio, affascinati da location azzeccatissime, chi non si è chiesto dove sia stato girato il serial? Se ricordate, tre mesi fa vi avevo parlato di una delle location, tra le più facilmente raggiungibili (anche se un low cost per la Scozia forse si trova con gli stessi denari), Dubrovnik, sfruttata per realizzare parte di King’s Landing. E il resto di quel mondo così vasto? Ebbene, ecco un post scritto spulciando tra tutte le wiki possibili, che risponde a tale giustificata curiosità. Iniziato con l’idea di pubblicare un paio di foto si è trasformato in un lungo viaggio tra Irlanda, Scozia, Marocco, Malta, Croazia, insomma un bel giro per il mondo.

Ma tutto inizia in un luogo solo, nel nostro caso a Belfast dove ha sede la produzione del serial. Dell’Irlanda del Nord vedremo moltissime zone, tra esterni, castelli, villaggi e porti. Non tutte le location sono state accreditate e durante le ricerche ho trovato solo una parte delle associazioni tra luoghi reali e ambientazioni fantastiche. Se notate incongruenze o avete notizie aggiornate sulle location di Game of Thrones fatemelo sapere che modifico l’articolo.

E ora iniziamo il viaggio…

Continua…

Game of Thrones, un backstage in attesa della seconda stagione

Lo so che i titoli corti funzionano meglio eh, mannaggia se di SEO e altre menate non ne ho sentite e le sento ogni giorno. Ma tanto qua ci arrivano solo i quattro amici rimasti a leggersi le mie storie e quelli da facebook. Soprattutto quelli da facebook. E a loro prometto: nel 2012 arriverò al post col titolo più lungo del testo.
Ho dovuto accorciare il titolo altrimenti sbordava tutto dalla home del sito. E via così.

A parte questo.
Già già già – che ve lo dico a fare – ricomincia Game of Thrones.
Mancano solo due mesi.
La prima serie, pur col suo surplus di mammelle danzanti e morti esposti, che fosse per alzare il rating e gridare “siamo la serie dark fantasy più cool del momento”, m’è piaciuta, del resto non me ne frega granché.
Era bella da vedere, affascinante da seguire nel suo snodarsi lungo i tragitti già percorsi nella lettura dei romanzi di Martin, riusciva a catturare l’essenza dei personaggi principali. E c’erano i draghi, caspita, c’erano i draghi!
Però questo post non nasce dall’esigenza di mostrarvi i draghi (i draghi!) ma di fare una gita, quasi dietro l’angolo.
Su, venite con me.

Ecco Kings Landing, nella sigla di Game of Thrones

Ecco Kings Landing, nella sigla di Game of Thrones

Da qualche giorno gira il nuovo teaser trailer della seconda stagione. Teaser che non dice molto più di quanto già non si sappia: mostra personaggi che già conosciamo e fa quanto deve, alimenta la voglia di fantasy sullo schermo, che almeno da ‘ste parti è parecchio elevata.
Eliminato quasi del tutto l’horror, che non lo sopporto proprio più, la voglia di fantastico rimane. Così come ho ripiegato da Bioshock 2 (ma lo finirò prima o poi) su Overlord (mandare in giro goblin a massacrare villaggi felici è sempre una gioia) e concluderò con Skyrim, che la nuova PS3 (non ve l’ho detto? ve lo dirò!) ne è ghiotta, dopo tutte le preview, i trailer, le guide e soprattutto la patch risolutoria.
Continua…