Progetti per l’inverno

Sì lo so che è appena il primo settembre ma, almeno a Trieste, fuori è già autunno inoltrato. Raffiche di bora, pioggia battente, foglie secche che si accumulano nei viali. Il tempo migliore per mettersi alla tastiera e scrivere. O per affondare le chiappe nel divano e leggere. O per spiaggiarsi tra le lenzuola e fare quello che preferite. Insomma il tempo perfetto per tante cose, almeno da ‘ste parti, e sicuramente un momento ottimo per rivedere i progetti aperti e tornare a lavorarci seriamente.
Perché l’estate è stata prodiga di mazzate e mazzette (nel senso di quelle da 5kg sulle ginocchia) ma non si è usi fermarsi qui, a costo di strisciare fino al traguardo.
Eccomi così a riaprire il negozio, piuttosto vuoto e polveroso, lavorare di ramazza mentre fuori, sulla strada, campeggia una lavagna scura, bordata di legno consunto.
Avviciniamoci e scopriamo quale menù è in preparazione per la mia bottega…

1

  • Iniziamo parlando di giochi, con La congiura delle tenebre, modulo di avventure per Savage Worlds. Niente conigli stavolta, giuro. Si parte invece alla volta del pianeta Cor, dove avrà inizio una lunga corsa tra psionici, culti a divinità mostruose, astronavi pirata, pianeti dimenticati e giungle mortali. Trattasi di modulo ufficiale per la casa editrice, cose che non si vedevano da un po’ da ‘ste parti. La scrittura è a buon punto, diciamo un 70%, manca la run finale nella giungla. Poi editing, se riesco qualche partita di prova col gruppo storico, editing e, non so se l’ho menzionato, editing. Il modulo, una volta affidato alle prodi mano della CE, vedrà la luce in formato digitale nel 2015.
  • Sempre a tema ludico c’è stato un po’ di movimento riguardo la mia vecchia ambientazione fanta/horror Obscura Genesi. Ho ricevuto alcune richieste da chi vorrebbe acquistare il libro game, non più disponibile ma, sinceramente, rileggendolo mi sono reso conto che così com’è non è il caso di rimetterlo in vendita. Così invece di editarlo e semplificarlo come libro game ho deciso di valutare la fattibilità con gli addetti ai lavori di una sua conversione in GdR. Si tratterebbe di un modulo di ambientazione/avventura per Savage Worlds, una trentina di cartelle tra fantascienza ipertrofica (alla Warhammer 40K, per capirci), e orrori lovecraftiani, con una valanga di citazioni cinematografiche. Ho anche già contattato il grafico di fiducia e a quanto pare le cose potrebbero muoversi tra breve, ci saranno aggiornamenti.
  • Passiamo alla narrativa con La madre delle messi. Il racconto è arrivato a quota 25 cartelle, e mancano due capitoli alla conclusione. Poi tanto editing, che in corso di scrittura ho cambiato un po’ di elementi dell’ambientazione. La speranza è di chiuderlo entro fine anno e farne un bel ebook.
  • Sto raccogliendo materiale per una prossima edizione del saggio sui giochi di Cthulhu. La prima edizione in ebook ha venduto poco, in realtà, meno di quanto sperassi, ma continuo ad imbattermi in novità interessanti e per ora le butto là, nel cesto delle note, vedremo a primavera magari cosa farne.
  • L’orrore della nave fantasma è invece un mio primo tentativo di “avventura pulp”. Archeologi, magia tibetana usata a scopi militari, navi fantasma incastrate tra le fredde valli hymalaiane. C’è da completare la postilla sul Tibet, che riprende i temi del mio viaggio di qualche anno fa, editarlo con calma e trovargli una copertina che gli renda giustizia. Diciamo inizio 2015?
  • Rimangono alcune idee sparse sul fronte ebook, per recuperare racconti mai pubblicati, riunendoli magari in gruppi tematici (seguendo l’esempio de Il silenzio dell’acqua ma riducendo il numero di storie per raccolta). Di sicuro ce n’è almeno una dal titolo provvisorio de Le crepe nel muro, con un paio di storie horror brevi. Ci sarebbe solo da editarla e trovare la cover. Magari ne riparliamo dopo Natale.
  • Il silenzio dell acqua ebook

    Nel caso non lo conosceste, lo trovate su Amazon

  • Ed eccoci alla parte tecnologica. Libro Game Creator 3, inutile dire di cosa sto parlando, se girate da ‘ste parti ormai lo conoscete come le vostre tasche. La terza versione del programma più usato per scrivere libri game è in fase di scrittura. Cambio di linguaggio (Java), cambio di interfaccia, aggiunta del sistema di plugin per renderlo espandibile dagli stessi utilizzatori. Il core del sistema è già funzionante, così come molti dei plugin di importazione ed esportazione. Una alpha pre-pre-pre-release potrebbe vedere la luce entro dicembre, se non ci sono incidenti di percorso.
  • pixel-dungeonConcludiamo con il materiale per il blog, in primis le guide a Pixel Dungeon che sono a oggi tra gli articoli più letti di sempre (se pur quelli meno commentati). Nonostante qualche tentativo fatto negli interstizi spazio temporali di questa estate intensissima, non sono riuscito ad avere la meglio sul quarto e quinto boss. Sono ahimé dovuto ricorrere a un amico che (tutta fortuna eh) ce l’ha fatta dopo un mesetto. Con le sue dritte e il materiale in inglese sparso per il web sto confezionando le ultime due parti della guida, che poi verrà integrata da qualche post di tips&tricks e probabilmente confezionata, più che altro per divertirmi a provare, in un ebook “Come vincere a Pixel Dungeon” o qualcosa del genere.

Arrivati alla fine devo aggiungere che tutte ‘ste previsioni potrebbero saltare se il mio lavoro come “impaginatore notturno” dovesse riprendere a ritmi sostenuti. Ma questo è un altro discorso.

Direi che per l’autunno/inverno c’è tanta (tanta, tanta) roba da fare.
Ho una pila disumana di libri (e manuali, e moduli) da leggere e avventure da scrivere.
Che fuori tiri pure il più gelido vento d’inverno, qua dentro ci sarà da divertirsi parecchio.

Libro Game Creator 3.0 (sneak preview)

Il Ferragosto di cinque anni fa rilasciavo (che fa tanto vero sviluppatore) la prima beta di Libro Game Creator, il programma che mi ero scritto per poter creare libri game più agevolmente che utilizzando Word & Excel come facevano molti altri autori. Una GUI terrificante, è vero, però faceva già il suo. Da quella volta di versioni (sotto i ponti) ne sono passate, e nel 2012 circa lo sviluppo si è fermato del tutto, a causa dei solito troppi impegni collaterali.

A quanto pare però l’entusiasmo di chi lo usa non si è mai spento, tanto che le richieste per nuove feature (e bug fixing 🙂 ) continuano ad arrivare, soprattutto nella community di Librogame’s Land. Per questo ho deciso qualche mese fa di unire l’utile al dilettevole e sfruttare qualche oretta rubata ad altri progetti per approfondire Java, riprogrammando da zero LGC. Il lavoro da fare è tanto, gli algoritmi si possono riutilizzare solo in parte, ma questo permette anche di inserire le tante novità che avevo in mente e che miglioreranno di molto le potenzialità del programma, soprattutto visto che molti dei suoi utilizzatori lo sfruttano per poi esportare i dati per altri software/siti o per scrivere App per smartphone (come del resto ho fatto io col progetto AdventureScape).

Continua…

Guarigione e libri game

Mi è arrivata e prontamente giro questa segnalazione narrativo-ludica. C’è un concorso di narrativa, Storie di guarigione, che cerca di avvicinare tramite la scrittura (poesia, narrativa, biografia) chi è vittima di disturbi mentali e chi è nel mondo “fuori”, che spesso questi disturbi non li conosce e ne ha una visione limitata quando non distorta. In sostegno al concorso la casa editrice Sonda e l’autore Andrea Angiolino hanno concesso i diritti per una edizione speciale di un testo classico per gli amanti dei libri interattivi, Costruire i Libri-Gioco. Del libro ve ne avevo già parlato due anni fa ai tempi della recensione, ed è una lettura consigliatissima a chiunque sia affascinato dalla narrativa interattiva in tutte le sue sfaccettature (non solo i classici libri game alla Lupo Solitario, per capirci).

ebook libri gioco andrea angiolino

La versione digitale, curata da Tristano Ajmone, è ridotta rispetto quella cartacea ma è scaricabile gratuitamente, occasione perfetta per avvicinarsi al volume di Angiolino, ai libri gioco e agli strumenti esistenti (nella prefazione è stato aggiunto anche il riferimento al software Libro Game Creator).

Eccovi il link per il sito storie di guarigione dove trovate l’ebook gratuito.

Buona lettura e buon gioco!

Prossimamente sui vostri smartphone

Nei giorni scorsi, nel mentre preparavo l’articolo sui roguelike, leggevo articoli ed ero costretto a testare questo tipo di giochi (come sempre un duro lavoro che bisogna fare) sono tornato a sfogliare il forum di Librogame’s Land, la community nella quale bazzicavo quando hanno avuto origine l’editor per libri interattivi, LibroGame Creator, il racconto lovecraftiano Fuga dall’Altrove (scaricabile gratis da tra i miei ebook, ancora in attesa del sequel) e il malloppo fanta horror Obscura Genesi (che proprio in questi giorni è stato gentilmente recensito su facebook da un lettore, cose che come sempre fanno piacere a chi scrive/crea anche se il libro ormai penso sia scomparso dagli store).

 

Logo libro game Fuga dall'Altrove

chest

Ne è venuto fuori un discorso sugli sviluppi dei libri interattivi e su quello che è il destino di Librogame Creator il cui sviluppo sembra fermo da anni. Dico sembra perché dal 2012 in qua ho portato avanti nel solito pochissimo tempo libero una sua nuova versione, adattata a uno scopo unico: permettermi di sviluppare un formato di LG che fosse giocabile sugli smartphone. Sì, esattamente come fanno già molte altre App, soprattutto (bene) in lingue inglese e poco (e male) in lingua italiana (ne ho testata qualcuna e i testi sono piuttosto brutti da vedere e da giocare).

Una sneak preview di Libro Game Creator 3.0

Una sneak preview di Libro Game Creator 3.0

C’è voluto circa un anno e mezzo. E ho pensato di scriverne due righe, per tirare un po’ le somme, un post pseudo tecnico che leggeranno in 4 e capiranno in 2. Me compreso.

A cosa è servito un anno e mezzo di lavoro?

  1. ideare un nucleo di istruzioni per un “linguaggio di programmazione” della narrazione dei libri game; progettare il parser di un linguaggio, per quanto limitato sia nella sua grammatica, è stata la parte più complessa del lavoro;
  2. sviluppare il nuovo formato di file (ora un database SQLite);
  3. modificare LGC perché permettesse l’inserimento delle istruzioni nel “linguaggio” e le entità sulle quali questo avrebbe operato (oggetti, locazioni, attributi di gioco e quanto altro serve);
  4. sviluppare il motore Java, più generico possibile, che andasse a tradurre il meta linguaggio dei capitoli del libro game in qualcosa di interattivo (una decina di classi che implementano un pattern MCV);
  5. sviluppare una App Android che implementi il motore Java, con modifiche minime;
  6. aggiungere una grafica minima che renda visivamente l’App almeno decente;
  7. scrivere un libro game di prova per testare queste feature (adattarne uno esistente, in realtà, operazione che si è tradotta in tre tentativi di cui due falliti perché troppo complicati)

A ben vedere è una lista niente male (ed è strano perché in giro vedo gente che dice quanto sia “facile e veloce” fare una cosa del genere, ma si tratta quasi sempre di persone che vedono la programmazione da molto, molto lontano).

Un libro game su Android

Un libro game su Android

E non è ancora finita. In questi giorni sto iniziando i test del LG, una versione interattiva del mio Fuga dall’Altrove, e incredibile a dirsi ma c’è ancora molto da fare.

Inserite le cose base, potendo giocare, salvare e continuare, avere un “segnalibro” che simuli il solito dito che teneva traccia del paragrafo precedente nel caso si fosse fatta la scelta sbagliata, implementato l’inventario interattivo e con la possibilità di scriptare gli oggetti per fargli fare in pratica qualsiasi cosa, c’è ancora molto lavoro.
bookmark_loadIntanto la grafica, che da minima deve diventare migliore, all’altezza almeno di quanto si trova in giro. Risolvere qualche bug minimo, e tanti tanti test per migliorare ancora. E se le cose procedono con questo ritmo non ci si arriverà prima dell’estate (di quest’anno dai).

Cosa avverrà a quel punto? Beh c’è ancora da affrontare tutta la parte sul mettere le proprie App sul market di Google, che si porterà via il suo tempo e alla fine Fuga dall’Altrove in versione Android ci finirà, gratuitamente.

Una volta che questo progetto pilota avrà fatto il suo dovere, col bagaglio tecnico accumulato e la struttura completata, l’idea è di mettersi a lavorare su qualcosa di più lungo e nuovo, da completare per l’anno successivo. Magari un bel libro game horror, un adattamento semplificato della fantascienza di Obscura Genesi o uno sword & sorcery cupo e sanguinolento.

Ma stiamo correndo già troppo, per ora stiamo ancora tentando di fuggire dagli orrori lovecraftiani celati nei sotterranei della città, verso l’Altrove…

Fighting Fantasy, Caponata e Libro Game Creator

libro game creator iconUn post rapidissimo e inaspettato per ringraziare uno dei redattori della rivista inglese Fighting Fantazine, dedicata a Fighting Fantasy e più in generale al mondo della narrativa interattiva. Un malloppo di 100 e più pagine (realizzato molto bene e gratuito) che in questo numero 12 presenta un articolo sull’Italia dei libri game dove menziona il preparatissimo Mauro con il suo sito Caponata Meccanica e dedica qualche riga anche al software per scrivere libri game che ho realizzato qualche tempo fa, Libro Game Creator.

Essere citati in una pubblicazione simile fa molto piacere, FF è la dimostrazione di come questo tipo di intrattenimento non sia morto e riesca anzi a godere di una nuova giovinezza (soprattutto – stranamente eh, visto il gusto e il coraggio nelle italiche letture – all’estero), grazie alle tecnologie mobile, come dimostra il successo dei titoli della Tin Man Games, dei quali ho recensito a suo tempo An Assassin in Orlandes, libro interattivo di successo che ha avuto recentemente un seguito. Titolo che si è aggiunto a un catalogo che conta una ventina di Gamebook Adventures, nati per iOS e felicemente approdati su piattaforme Android (il che gli ha permesso di sbarcare anche nello store di Amazon).  A questa tecnologia anche LGC si è avvicinato ultimamente… ma questa è una storia segreta della quale parlerò solo a tempo debito.

 

Fighting Fantazine 12

Se volete cimentarvi nella lettura della rivista andate al paragrafo 1 trovate tutto online sul sito ufficiale di Fighting Fantazine.

LGC 2.0.3

LGC - Libro Game CreatorNo, fermi, non ci ho messo mano recentemente e no, non ho corretto alcuni dei bug che tanto speravate. Mi spiace.

L’ultima modifica risale a molti mesi fa, fatta su richiesta di uno dei fan del software per la scrittura di libri interattivi. Me ne sono ricordato in questi giorni dopo aver ricevuto una inattesa donazione da un gruppo di scrittori che gestisce un piccolo sito e intende darsi alla narrativa a bivi. Ho pensato quindi di rendere nota questa versione, così da indirizzare sul sito dove scaricarla, assieme alle precedenti parecchio vintage, tutte ormai ospitate da Google Code.

Cos’è Libro Game Creator, LGC per gli amici, ve l’ho spiegato tempo fa, nella pagina dedicata.

La release 2.0.3 porta a 20 il numero di link che si possono inserire all’interno di un unico paragrafo (ai fan di LGC piacciono i libri semplici, che vi posso dire 🙂 ).

Se non sapete cosa sono i libri game potete scoprirlo leggendo un mio piccolo esperimento, ovviamente gratuito e come sempre in formato eBook (ma anche in PDF per i nostalgici).

 

Fuga dall'Altrove (libro game gratuito, formato ePub)Fuga dall'Altrove (libro game gratuito, formato PDF)

 

Tutto qua,

buona scrittura interattiva!

The X(html) marks the spot to dig

“So forget any ideas you’ve got about lost cities,
exotic travel, and digging up the world.
Eve do not follow maps to buried treasure
and “X” never, ever, marks the spot.”
— Indiana Jones

Secondo post nello sviluppo di jLGC, che procede, lo sviluppo non il post, più rapidamente di quanto riesca a scriverne. Il problema che presento l’ho risolto già una decina di giorni fa, e la trasformazione dall’originale RTF (contenuto nei file del vecchio Libro Game Creator) in codice XHTML, necessario a creare le pagine per costruire i file ePub, è ormai testata e consolidata. Gli eBook creati da jLGC passano pure il test di EpubCheck validation, con somma soddisfazione.

Il principale dubbio sulla conversione era come mantenere intatti i link ai paragrafi, senza utilizzare una codifica fissa (ad es. HTML), in modo da poter facilmente identificare i link ed esportarli ogni volta nella maniera corretta (interni a un singolo file HTML, tra più file HTML, tra i file XHTML dell’ePub,…). Per fare questo ho adottato una codifica a TAG personalizzata. Alle funzioni di esportazioni viene dato in pasto questo e un template di sostituzione, adattabile al formato di file che si va a creare.
Continua…

Java Libro Game Creator

jLGC classes

jLGC classes

Lo so lo so, avevo detto che il blog apriva questa sezione in inglese. Li ho pure scritti un paio di post, ma la mia traduttrice personale ha perso anni di vita cercando di correggerli. Insomma mi sa che prima devo studiare ancora un po’ e ritentare. Per ora le storie sulla nuova versione del software per scrivere narrativa interattiva ve li beccate in italiano, relegati comunque a questo “sotto blog” dedicato allo sviluppo selvaggio.
E il primo post non può che essere questo: un lungo recap sulla storia del programma, seguito dalle succulente novità!

Per chi non sapesse cos’è Libro Game Creator: trattasi di programmino per scrivere libri “a bivi”, con tutto il necessario per importarli da formati testuali, editarli, esportarli in HTML o RTF (per una successiva pubblicazione in PDF ad esempio). Le sue feature più importanti sono in realtà la possibilità di rimescolare i paragrafi mantenendo validi i link interni e di visualizzare il grafo connesso dei paragrafi (con l’indicazione grafica di quelli vuoti, “finali” e fissi).

Il programma è nato nel lontano 2007 ed è stato adottato dalla community del sito Librogame’s Land dove bazzicavo da un po’ quando scrivevo il lovecraftiano Fuga dall’Altrove e il complicatissimo Obscura Genesi. Nei primi tre anni ha visto parecchie versioni e un’interfaccia grafica che cambiava ogni stagione, poi lo sviluppo si è praticamente fermato causa i miei impegni di impaginatore e il dover tornare a metter mano a un codice scritto – sigh – in Delphi.

Continua…