Tre dungeon old style per Natale

Il post di Natale da queste parti è tradizione, come Glenn Miller e i biscotti di pan pepato che ho infornato poco fa. Che farà tanto nonna papera, ma preferisco il profumo dei dolci a quello della polvere da sparo, che ci volete fare.
Il 2013 ha avuto un articolo natalizio a tutto Cthulhu, con We Wish You A Merry Yuletide, tra i più letti da qualche settimana in qua. E’ stato un anno in cui di Cthulhu ce n’è stato parecchio da queste parti, ed era perfetto chiudere con la Yule lovecraftiana, con un viaggio a Kingsport per partecipare a un Festival più antico dell’uomo.

L’anno che si va a chiudere è stato per gran parte un brodo primordiale di ribollente merda, sufficiente a farlo candidare, assieme al 2012, al club dei peggiori della mia intera vita. Ma “basta” tener duro e crederci (o non pensarci e andare avanti sperando, fate voi) e le cose riescono anche a migliorare. Ora a parte qualche problemino di salute, il resto sembra iniziare a funzionare. Tocchiamo qualche tonnellata di ferro e andiamo avanti.

Tra gli articoli costantemente in testa alla top ten di questo blog è stabile il gruppetto di capitoli della guida al roguelike Pixel Dungeon. Già dal titolo del post avrete indovinato: l’anno scorso vi siete beccati Cthulhu, quest’anno tocca ai dungeon.
In realtà il titolo era lì con l’intenzione di presentare un modulo di GdR, un’avventura weird/natalizia, dove Babbo Natale se la vedeva con le mostruosità che ghignano in attesa oltre il Velo, sfoderano un armamentario insospettato, alla guida di un gruppetto di prodi avventurieri. Ma i tempi stretti mi han costretto a virare su quest’altra versione del sotterraneo natalizio 🙂

Per soddisfare i lettori affamati di dungeon crawling, roguelike, gdr, andiamo a vederne altri tre, utili a svagarsi nei lunghi processi digestivi tra una vagonata e l’altra di cibo delle feste.

Hoplite

Dall’antica Grecia arriva questo roguelike a turni, davvero old style. Nessuna mappa scrollabile, gameplay semplice e immediato, grafica ridotta al minimo (la versione attuale ha delle texture nuove di zecca, provate ad attivare quelle legacy). Sedici livelli da superare, ognuno con il suo santuario dedicato a una diversa divinità (che elargisce i suoi favori al personaggio), traboccanti di nemici più o meno letali, tutto nel genere “sword & sandal”. Il gioco è basato sulla strategia, più simile a una partita a scacchi che a un gioco di ruolo. Ogni spostamento va calcolato con la massima attenzione per poter sfruttare le proprie capacità che sono come il salto, l’attacco con la lancia e il colpo con lo scudo (l’oplon da cui deriva il termine oplita, un soldato della fanteria pesante greca).
Hoplite è gratuito nella versione base, e con poco più di un euro si può espandere per avere più livelli da giocare e ulteriori sfide.
C’è un sito ufficiale: www.magmafortress.com/p/hoplite.html ricco di informazioni su altri progetti dello sviluppatore, che ha scritto Hoplite nei sette giorni della sfida annuale per i creatori di roguelike, il 7DR Challenge.
Il gioco è disponibile sul Kindle Store di Amazon, su Google Play e sul Apple Store.

Hoplite

Shattered Pixel Dungeon

Questo titolo è frutto dell’aver messo il codice di Pixel Dungeon online, disponibile a chiunque. Un volenteroso programmatore ha deciso che il gioco andava cambiato e ampliato, e ne ha creato questa nuova versione. SPD è più difficile (lo era, finché l’autore di PD non ha introdotto il “degrading system” per l’equipaggiamento) e offre alcune varianti al gioco originale (quest diverse e gli artefatti). Non l’ho giocato granché, quindi a voi lo scoprire tutte le altre novità.

Alla pari del suo progenitore, SPD è un’esclusiva per Android. Lo potete scaricare dal Google Play Store o dal Kindle Store di Amazon.

Screenshot_2014-12-19-00-15-11

Devious Dungeon

Ultimo titolo di questa breve rassegna, DD è un platform game sulla scia degli altri titoli di Ravenous Games, come League of Evil o Random Heroes. A differenza di questi il gioco offre un tasso di sfida decisamente inferiore, cosa che ai miei occhi lo rende molto più appetibile, un passatempo per partite rapide in attesa in fila a qualche ufficio. Il contesto dovrebbe essere vicino allo “sword & sorcery”, con barbari, maghi e mostruosità assortite. Si raccolgono tesori, si accumulano XP, si acquistano armi più potenti e si ricomincia, affrontando i gruppi di 3 livelli. Ogni 12 livelli si dovrà affrontare un diverso Boss.
Anche questo è gratuito, però “in app” potete scambiare real money per gold per accelerare il vostro potenziamento. Che gusto ci sia, qualcuno prima o poi dovrà spiegarmelo.

Lo potete trovare su Google App Store o sul Kindle Store di Amazon

Screenshot_2014-12-19-00-16-27

Spero che la carrellata vi sia piaciuta. A breve torneremo a parlare di libri game, vecchie nuovi e magari di un mio vecchio progetto che sto riportando in vita.

Nel frattempo però c’è da affrontare la quest natalizia, sfornare i biscotti, leggere, mangiare e rilassarsi. Sperando che con questa nebbia il nostro prode Babbo trovi la strada per il camino.

Buon divertimento e buon natale! 🙂

Print Friendly

Vuoi rispondere?